Terra della cultura, Terra millenaria

Centro archeologico del Museo Municipale di Baião

Se i primi siti di insediamenti occupati durante il V millennio aC sono ancora rari resti, gli insediamenti del 2 ° e del 1 ° millennio mostrano già un'intensa occupazione del territorio, con strategie distinte, le cui popolazioni già lavoravano al bronzo e mantenevano contatti con regioni più lontane dalla penisola iberica, specchiate in alcuni oggetti custoditi dal Nucleo Archeologico del Museo Municipale di Baião.

Il Megalitismo e l'Età del Bronzo occupano un posto di rilievo nel Nucleo dell'Archeologia.

Un modello didattico con 120 figure umane illustra le diverse fasi di costruzione di un tapiro e la rispettiva mamoa (tumulo su terra e pietra). Il visitatore conosce i diversi tipi di monumenti funerari e l'evoluzione del loro rituale dal Neolitico al Bronzo finale.

La sepoltura collettiva diventa sempre più individuale e personalizzata, con oggetti di spicco come punte di freccia in rame, mentre nella seconda fase una singola offerta accompagna l'individuo.

Continua a leggere

L'evoluzione dell'insediamento durante l'età del bronzo è il secondo tema da affrontare. Di tutte le città, quella della Bouça de la Frade occupa il posto del primato. La sua ex-libris è un grande vaso di provviste decorate con medaglioni, e all'interno vi era ancora un vaso con semi e semi di pera selvatici carbonizzati.

L'età del ferro e la romanizzazione sono rappresentati in un unico intervento Castro: Castro di Cruito.

Dal Medioevo spicca lo sperone di ferro di Castelo de Matos (castello del maniero della Terra di Baião), perché è il più antico in Portogallo dal periodo di riconquista cristiana.

Il servizio educativo del museo municipale coordina progetti patrimoniali, organizza visite di studio a monumenti della contea, attività di espressione plastica, corporale e drammatica.

suggerimento: Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Comprimi testo

Circa l'autore

Post correlati