Se i primi siti di insediamenti occupati durante il V millennio aC sono ancora rari resti, gli insediamenti del 2 ° e del 1 ° millennio mostrano già un'intensa occupazione del territorio, con strategie distinte, le cui popolazioni già lavoravano al bronzo e mantenevano contatti con regioni più lontane dalla penisola iberica, specchiate in alcuni oggetti a [...]

Pur non essendo nota la data della sua fondazione, è noto che nel 1120 questo monastero apparteneva già alla diocesi di Porto, essendo collegato ai Canonici Regranti di Sant'Agostino. Nel 1141, D. Afonso Henriques vendette la carta di Couto all'abate del monastero per 150 morabitinos. Nel 1560 è annessa al Convento di S. Domingos [...]

Il monumento è situato al centro di una grande collina, su uno sperone granitico, che si staglia nel paesaggio. La mamoa contiene un dolmen chiuso, con una piccola camera funeraria. L'involucro di pietra della mamoa (guscio litico) è stato mantenuto, sostituito da un altro nelle aree scavate, al fine di preservare il monumento. Periodo: 1 ° incontro. del [...]

Il monumento è situato al centro di una grande collina, su uno sperone granitico, che si staglia nel paesaggio. Dolmen chiuso ma con una piccola finestra che si apre verso est. Fu deciso di mantenere il guscio litico che copriva la mamoa, costruendo nelle aree scavate, nella sua sostituzione, una struttura simile, in vista della conservazione del monumento. [...]

Grande monumento, costruito su un'altura naturale, che spicca fortemente nel paesaggio. È un dolmen aperto, senza corridoio, con una forma poligonale allungata e composto da sette supporti. Sfortunatamente, alcuni di questi supporti sono stati rotti per essere utilizzati nella costruzione del Tapado che si trova immediatamente a ovest. Periodo: prima metà del IV millennio aC (?)

Dolmen di medie dimensioni, probabilmente chiuso e amputato dalla strada, così come il mamoa che lo ricopriva ad est. La lastra trovata sul tetto è stata trovata a circa 30 metri a nord-est del monumento, fungendo da punto di riferimento della divisione contea. La sua configurazione ha portato a supporre che avrebbe potuto servire [...]

L'occupazione della regione continua per tutto il periodo medievale, distinguendosi dalla collina del Castello di Matos. Forte marchio nel paesaggio e l'identità di Baião perché era il luogo scelto dal signore di questo territorio per la costruzione del castello che a metà del secolo. XI comandava i destini della Terra di Bayam. Era [...]

Durante l'occupazione romana di questo territorio le popolazioni abitavano già preferenzialmente nelle pendici e nelle valli dei corsi d'acqua principali, con highlight naturale per quelli di Ovil e Douro. Vi sono tracce di tracce romane e numerosi castelli che sorgono in luoghi topograficamente rilevanti.